Cesena: sciopero operatori psichiatria

Forli' -

Le Rappresentanze Sindacali di Base hanno proclamato per giovedì 6 maggio lo sciopero dei lavoratori delle residenze, dei gruppi appartamento, dei centri diurni di salute mentale dell'’Ausl di Cesena per protestare contro il nuovo piano di riorganizzazione che ha determinato:

- il licenziamento di tutto il personale impiegato da anni in questi servizi ( oltre 50 persone );

- l’assoluta mancanza di garanzie sul loro riassorbimento all’interno delle cooperative sociali che subentreranno e sulla qualità dei servizi offerti, tenuto conto che la vecchia cooperativa ha investito oltre 250.000 euro in più all’anno per garantire servizi dignitosi all’utenza;

- la chiusura dei due centri diurni che da anni lavorano con buoni risultati e il tentativo di concentrare tutta una serie di “servizi” in ambienti medicalizzati e ospedalizzati, con infermieri e o.s.s. al posto degli educatori, luoghi destinati a ricordare tristemente i vecchi manicomi;

- il tentativo di trasformare una residenza in una sorta di “cronicario” per gli utenti con maggiori problemi fisici e psichici, un altro luogo manicomiale, che si realizzerà attraverso la “deportazione”degli utenti da una comunità all’altra, un’inutile fonte di disagio;

- la totale deresponsabilizzazione dell'’Ausl nella gestione delle sue residenze psichiatriche cominciata già da diversi mesi con la mancata erogazione dei servizi sanitari ( allontanamento degli infermieri e medici psichiatri) e che si concluderà con l’affidamento al cosiddetto “privato sociale” finanche della gestione sanitaria di tali strutture;

- la marginalizzazione di figure cardine per la riabilitazione ed il reinserimento sociale degli utenti come gli educatori, gli psicologi e gli assistenti sociali. CONTRO I LICENZIAMENTI

CONTRO IL LAVORO PRECARIO

CONTRO IL “CAPORALATO” NEGLI ENTI PUBBLICI

PER IL RIASSORBIMENTO DEL PERSONALE “APPALTATO” NEL PUBBLICO IMPIEGO

CONTRO IL RITORNO AD UNA LOGICA MANICOMIALE

PER DEI SERVIZI SANITARI PUBBLICI, DI QUALITA’ E GRATUITI

SCIOPERO

GIOVEDI’ 6 MAGGIO 2010

dei lavoratori della Cooperativa “Quadrifoglio”

Concentramento ore 8,15 davanti al comune

-ore 9 consegna firme della petizione e incontro col sindaco, l’assessore Benedetti ed esponenti Ausl;

- ore 10 presidio davanti alle palazzine ed all’ingresso dell'’ospedale “Bufalini”

 

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni