SCIOPERANO ANCHE LE COOP SOCIALI

Nazionale -

 

IL 9/11 SCIOPERANO ANCHE LE COOP SOCIALI

 

Lavoratrici e lavoratori delle coop sociali e del terzo settore in generale sono stati purtroppo fra i primi a sperimentare la precarizzazione dei rapporti di lavoro, l'esternalizzazione dei servizi pubblici e il loro costante peggioramento. Il risultato concreto di tutto ciò è la nostra attuale situazione:

 

• Contratti scaduti da anni e lontanissimi dal rinnovo
• Stipendi miserabili (la media è 800 euro per i tempi pieni!)
• Lavoro precario e flessibile
• Diritti sindacali pochi o nulli
• Della pensione poi meglio non parlare

Gli operatori dei servizi sociali, sociosanitari ed assistenziali sono anche testimoni del progressivo smantellamento dello stato sociale per mancanza di risorse e di investimenti adeguati con conseguente peggioramento delle condizioni di vita di molti cittadini.

Le politiche sociali e del lavoro di questo governo – ma anche di quelli locali – invece di segnare un inversione di tendenza hanno proseguito l'opera di ridimensionamento dello stato sociale e di attacco ai diritti dei lavoratori che ha caratterizzato le politiche neoliberiste di questi anni.

Troppo spesso però i lavoratori del settore hanno assistito passivamente e con rassegnazione al peggioramento delle loro condizioni di lavoro e di vita, alla dequalificazione del proprio lavoro.

 

E' assolutamente necessario invertire questa tendenza e dare un segnale  forte di mobilitazione e di protesta.
Per tutti questi motivi i lavoratori delle coop sociali e del terzo settore aderiscono allo sciopero generale indetto dal sindacalismo di base e promosso da numerose altre organizzazioni.

 

• CONTRO I CONTRATTI BIDONE PER UN AUMENTO DEI SALARI A LIVELLO EUROPEO
• TAGLIO DELLE TASSE SU SALARI E PENSIONI
• LAVORO STABILE E ABOLIZIONE DI LEGGE 30 E PACCHETTO TREU

• REINTERNALIZZAZIONE DEI SERVIZI E DEI LAVORATORI IN APPALTO
• RILANCIO DELLA PREVIDENZA PUBBLICA
• CONTRO L'ACCORDO DEL 23 LUGLIO E LA FINANZIARIA 2008


SCIOPERO  GENERALE

VENERDI 9 NOVEMBRE 2007


Sono previste oltre 25 manifestazioni in tutta Italia. Quelle che si svolgeranno nei capoluoghi sono

 

Roma - Piazza della Repubblica – ore 9.30

Milano - Largo Cairoli – ore 9.30

Torino - Piazza Arbarello – ore 10.00

Venezia - Campo S.Angelo – ore 10.00

Trieste - Piazza della Borsa – ore 9.30

Genova - Piazza De Ferrari – ore 9.00

Bologna - Piazza XX Settembre – ore 9.00

Ancona - Piazza Cavour – ore 9.00

Firenze - Piazza San Marco – ore 9.30

Teramo - Piazza S. Francesco – ore 10.00

Napoli - Piazza Garibaldi – ore 9.30

Potenza - Via Anzio, Regione Basilicata – ore 9.30 

Taranto - Piazzale Arsenale – ore 10.30

Cosenza - Piazza Fera – ore 9.00

Cagliari - Piazza Garibaldi – ore 10.00

Palermo - Piazza Massimo – ore 9.30

 

RDB COOP SOCIALI E NO PROFIT

CUB CONFEDERAZIONE UNITARIA DI BASE

* Questo sito usa i cookies per effettuare statistiche sulla navigazione. Navigando sul sito accetti l'utilizzo dei cookies Ulteriori Informazioni